Università degli Studi di Torino
Università degli Studi di Torino
Dipartimento di Matematica
Via Carlo Alberto,10 10123 Torino - Tel. +39 011 6702877 Fax. +39 011 6702878
Dipartimento di Matematica
Home » BANKITALIA, BANCHE ITALIANE ECC. 
BANKITALIA, BANCHE ITALIANE ECC.
  • «Le paure sbagliate sul "bail-in". Però delle banche è meglio diffidare»: articolo di Beppe Scienza su il Fatto Quotidiano (13-7-2015 p. 18).
  • «Vicenza. Il segreto dei prestiti all'1%»: articolo di Beppe Scienza su il Fatto Quotidiano (15-4-2015 p. 14): le trappole delle azioni delle banche popolari non quotate, ma anche le responsabilità della Banca d'Italia. Vedere "noi speciale" n.6-2015 il bollettino interno della Banca Popolare di Vicenza, citato nell'articolo, che insegna a fare fessi i clienti.
  • Banca d'Italia e il suo oro: di Fulvio Coltorti, noto anche per le rigorose e quindi spietate analisi sui fondi comuni, si veda: «Quel pasticciaccio brutto di via Nazionale»: articolo del 15-12-2013 sulla riforma della proprietà di Bankitalia e sui rischi di scalate; vedere pure altri suoi articoli FIRSTonline, 30-11-2013Sole 24 Ore, 3-11-2013 p. 17, FIRSTonline, 31-8-2013, e altro articolo Sole 24 Ore, 5-9-2013, a p. 1, di Coltorti e Alberto Quadrio Curzio.
  • La banca centrale tedesca, cioè la Deutsche Bundesbank, risulta creditrice di 498 miliardi di euro nei confronti di Italia, Spagna, Irlanda ecc. Questione complessa, ignorata in Italia: articolo del 25-3-2012 su Der Spiegel online, in tedesco, con grafico.
  • «Risparmiatori italiani presi a bond in faccia»: articolo di Alessandro Penati su Repubblica (18-2-2012 p. 26) sulle cattive obbligazioni  piazzati delle banche italiane in generali ai propri clienti.
  • «D'ora innanzi a spadroneggiare saranno le banche»: intervista a Beppe Scienza di Giorgio Chiesa su Bergamo Economia (febbraio 2012, pagg. 26-28), mensile del Giornale di Bergamo.
  • «Le scelte di MPS pesano sui clienti»: articolo di Alessandro Penati su la Repubblica (15-1-2011 p. 28) sulle obbligazioni con rendimenti scadenti e rischiose rifilate dal Monte dei Paschi di Siena (MBS) ai propri clienti.
  • Banca d'Italia: finalmente sono pubbliche le quote e i voti dei proprietari della Banca d'Italia, definiti "enti partecipanti al capitale", quando tale qualifica può valere per l'Inps e l'Inail, non certo per banche che sono normali società per azioni: vedi il relativo elenco.
    Fino al 2006 la Banca d'Italia teneva tali informazioni il piú nascoste possibile e divennero note solo perché individute e poi pubblicate da R & S - Ricerche & Studi dell'ufficio studi di Mediobanca, diretto da Fulvio Coltorti: si veda per esempio le percentuali possedute nel 2005.
  • «Qualche idea di Beltratti» e di Elsa Fornero di Banca Intesa Sanpaolo: articoletto (anche in formato pdf) con alcune loro "perle" su il Fatto Quotidiano (20-5-2010 p. 11); analisi dei dati e delle affermazioni sbagliate di Beltratti.
  • 26 agosto 2006: Banca Intesa e San Paolo Imi si sono unite insieme... per meglio stritolare i risparmiatori italiani.
    Riporto al riguardo alcuni commenti di Elio Lannutti, presidente dell'Adusbef, tratti da un'intervista a Il Tirreno del 25-8-2006 (p. 5): «Le fusioni sono sempre state fatte nell’interesse delle banche, non certo dei consumatori. In tutti i casi precedenti di fusioni non c’è stato né un miglioramento del servizio offerto ai clienti, né una diminuizione delle tariffe». Riguardo poi all'Associazione Bancaria Italiana (Abi) commenta: «Io credevo che Sella fosse il peggio possibile, invece Corrado Faissola, il nuovo presidente, fra l’altro di scuola San Paolo, con la sua circolare menzognera e truffaldina fa di peggio».
  • «Risparmio tradito: l'ultimo rapporto Eurispes»: puntata di Consumi & Costumi del 7-4-2006 ore 12:00 su Repubblica Radio: Giovanni Valentini, editorialista di Repubblica, intervista Gian Maria Fara, presidente dell'Eurispes, Paolo Landi (Adiconsum), Beppe Scienza e Antonio Catricalà, presidente dell'Antitrust: registrazione file audio di 7000 Kilobyte
  • Dall'articolo «Trappola Card» di Rosaria Talarico e Francesca Vercesi su Milano Finanza (7-1-2006 p. 9) sulle carte di credito: «...lapidario il parere di Beppe Scienza, professore dell'Università di Torino che si occupa di valutazione dei prodotti del risparmio gestito e della previdenza privata 'Conviene non fare nessun debito. Se uno non ha i soldi, non compra'».
  • Intervista radiofonica a Beppe Scienza nella puntata «Risparmio trasparente: i costi bancari» del 21-4-2005 di Informaconsumatori - progetto della Regione Piemonte : registrazione della trasmissione
  • L'Eco di Bergamo (7-5-2003 p. 9): intervista di Marta Todeschini a Beppe Scienza sulla relazione per l'anno 2002 del Presidente della Consob.